Domande esame IVASS 2013

Di seguito proponiamo le domande dell’esame IVASS proposte durante la sessione del 2013

01. Ai sensi del Codice delle assicurazioni private, quale compensazione è consentita sul conto separato intestato all’intermediario assicurativo in tale qualità?
A) Solo la compensazione legale
B) Nessun tipo di compensazione
C) Solo la compensazione giudiziale

02. Se l’assicurazione è stipulata per conto di chi spetta:
A) il contraente non può far valere i diritti derivanti dal contratto senza il consenso dell’assicurato
B) l’assicurato non può fa valere i diritti derivanti dal contratto senza il consenso del contraente
C) il contraente e l’assicurato possono far valere i diritti derivanti dal contratto solo congiuntamente

03. Costituiscono redditi ai fini IRPEF:
A) le indennità percepite a causa di invalidità permanente
B) i proventi conseguiti in sostituzione dei redditi e le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento di danni consistenti
nella perdita dei redditi
C) le indennità conseguite a causa di morte

04. Le operazioni di assicurazione, riassicurazione e di vitalizio sono esenti da IVA?
A) Sì, ma solo in determinati casi espressamente previsti dalla legge
B) Sì
C) No

05. Qual è la differenza tra un fondo pensione a prestazione definita e un fondo pensione a contribuzione definita?
A) Nel primo caso la prestazione finale è predefinita, nel secondo i contributi sono predefiniti
B) Nel primo caso i contributi sono predefiniti, nel secondo il rendimento finale è predefinito
C) Non sussiste nessun elemento di differenza

06. Nell’assicurazione di assistenza l’aiuto prestato dall’assicuratore:
A) è sempre in natura
B) è sempre in denaro
C) può essere in denaro o in natura

07. Il debitore che, per errore, paghi prima della scadenza del termine stabilito in suo favore:
A) ha diritto di chiedere la restituzione del pagamento anticipato
B) non ha diritto alla restituzione del pagamento effettuato
C) non ha diritto alla restituzione del pagamento effettuato e non può neppure chiedere la restituzione di ciò di cui il creditore si sia eventualmente
arricchito per effetto dell’anticipazione del pagamento

08. Nell’assicurazione contro i danni, l’assicuratore risponde del danno cagionato da un vizio intrinseco della cosa assicurata che non gli sia stato denunciato?
A) No, salvo patto contrario
B) Sì, salvo patto contrario
C) Sì, sempre

09. Una società di intermediazione, per poter essere iscritta nella sezione E del RUI, deve:
A) aver affidato la responsabilità dell’attività di intermediazione ad almeno una persona fisica iscritta nella sezione A
B) operare direttamente o indirettamente attraverso altra società
C) avere affidato la responsabilità dell’attività di intermediazione ad almeno una persona fisica iscritta nella sezione E

10. L’assicurato deve dare avviso del sinistro all’assicuratore entro:
A) 15 giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza
B) 10 giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza
C) 3 giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza

11. Le clausole che abbiano per oggetto o per effetto di escludere o limitare le azioni del consumatore nei confronti del professionista o di un’altra parte in caso di inadempimento totale o parziale o di adempimento inesatto da parte del professionista:
A) sono annullabili
B) sono nulle solo se non hanno formato oggetto di trattativa individuale
C) sono nulle quantunque abbiano formato oggetto di trattativa individuale

12. Nella promozione e nel collocamento di contratti di assicurazione a distanza, gli intermediari iscritti nelle sezioni A, B o D del RUI che si avvalgono di “call center” devono:
A) individuare un proprio collaboratore, iscritto nella sezione E del RUI, che si occupi del coordinamento e del controllo dell’attività di intermediazione a distanza svolta dal “call center”
B) chiedere l’iscrizione nella sezione E del RUI di tutti gli addetti
C) individuare un proprio collaboratore, iscritto nella sezione C del RUI, che si occupi del coordinamento e del controllo dell’attività di
intermediazione a distanza svolta dal “call center”

13. Per operare in Italia in regime di stabilimento, un’impresa avente sede legale in un Paese terzo rispetto all’Unione Europea deve:
A) limitarsi a richiedere alla propria Autorità di vigilanza l’autorizzazione ad operare in Italia
B) limitarsi a comunicare preventivamente all’IVASS la sua intenzione di operare in Italia
C) essere preventivamente autorizzata dall’IVASS

14. Le spese di salvataggio sostenute dall’assicurato:
A) sono a carico dell’assicuratore in proporzione del valore assicurato rispetto a quello che aveva la cosa al tempo del sinistro
B) sono sempre interamente a carico dell’assicuratore
C) sono sempre interamente a carico dell’assicurato

15. In caso di trasferimento di portafoglio di impresa di assicurazione italiana a favore di un’impresa di assicurazione con sede legale all’estero:
A) i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in Italia, possono recedere dal contratto di assicurazione entro 90 giorni dalla pubblicazione del provvedimento di autorizzazione
B) i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in Italia, non possono recedere dal contratto di assicurazione
C) i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in Italia, possono recedere dal contratto di assicurazione entro 60 giorni dalla
pubblicazione del provvedimento di autorizzazione

16. La persona fisica iscritta nel Ruolo dei periti assicurativi può essere iscritta contemporaneamente nel RUI?
A) No, mai
B) Si, purchè in possesso dei requisiti di iscrizione e a condizione che le due attività vengano svolte con due Partite IVA diverse
C) Sì, sempre

17. L’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore copre i danni subiti dai pedoni in conseguenza di un incidente nel quale sia stato coinvolto un veicolo?
A) Si, ma solo se è espressamente prevista dalle condizioni generali di contratto
B) Si, nei limiti in cui sussiste la responsabilità civile del conducente
C) No, mai

18. Se il consenso è stato estorto al contraente con violenza, il contratto:
A) è rescindibile
B) è nullo
C) è annullabile

19. Se, nel momento in cui l’assicurazione deve avere inizio, non esiste un interesse dell’assicurato al risarcimento del danno, il contratto di assicurazione contro i danni:
A) è rescindibile
B) è nullo
C) è annullabile

20. Ai sensi dell’art. 174, comma 1, del Codice delle assicurazioni private, il contraente di un contratto di assicurazione di “tutela legale” ha facoltà, ove ne abbia la necessità per un procedimento giudiziario o amministrativo, di scegliere un professionista abilitato per la sua difesa?
A) No
B) Sì, ma solo per controversie riguardanti la circolazione stradale
C) Sì

21. Ai sensi del codice delle assicurazioni, a quale compagnia è presentata la richiesta di risarcimento del danno subito dal terzo trasportato nell’assicurazione obbligatoria rc auto?
A) All’impresa presso la quale è assicurato il trasportato medesimo
B) All’impresa presso la quale è assicurato il veicolo a bordo del quale il danneggiato si trovava al momento del sinistro, salvo il caso fortuito
C) Esclusivamente all’impresa presso la quale è assicurato il responsabile del sinistro

22. La tassa di concessione governativa di € 168 deve essere pagata:
A) una sola volta, in caso di iscrizione o reiscrizione nel RUI, da parte di tutti gli intermediari, iscritti in qualunque sezione del RUI
B) annualmente, soltanto dagli iscritti nelle sezioni A, B e D del RUI
C) una sola volta, in caso di iscrizione nel RUI, soltanto dagli iscritti nelle sezioni A, B e D

23. Quali dei seguenti requisiti deve soddisfare la modalità di indicizzazione dei contratti “Index Linked”?
A) Non deve soddisfare alcun requisito
B) Il profilo di rischio assunto dal contraente attraverso l’indicizzazione deve essere minimo
C) Gli indici devono essere semplici e soddisfare il requisito di agevole comprensibilità da parte del contraente

24. Come avviene la designazione del beneficiario nell’assicurazione sulla vita a favore di terzi?
A) La designazione può essere fatta solo per testamento
B) La designazione non richiede particolari formalità e può essere fatta anche oralmente sino al giorno che precede la scadenza contrattuale
C) La designazione deve avvenire per iscritto in sede di stipula del contratto di assicurazione o con successiva dichiarazione scritta comunicata
all’assicuratore o per testamento

25. Che cosa si intende per tasso annuo di interesse garantito in una polizza vita rivalutabile?
A) In una polizza vita rivalutabile non sono mai previste garanzie di tasso d’interesse
B) Il tasso medio di rendimento annuo dei prestiti obbligazionari emessi dallo Stato
C) La garanzia annua di rendimento minimo prevista dal contratto

26. Il contratto di assicurazione, avente ad oggetto il pagamento del prezzo del riscatto in caso di sequestro di persona, è:
A) nullo, salvo il caso in cui il sequestrato sia un minore
B) nullo
C) valido ed efficace

27. I soggetti cancellati dal RUI a seguito di provvedimento di radiazione possono essere reiscritti:
A) decorsi 2 anni dalla cancellazione, purchè in possesso di tutti i requisiti previsti per l’iscrizione nella sezione di destinazione
B) decorsi 5 anni dalla cancellazione, purchè in possesso di tutti i requisiti previsti per l’iscrizione nella sezione di destinazione
C) mai

28. Quale, tra le seguenti finalità, non rientra tra quelle poste alla base dell’attività di vigilanza dell’IVASS ai sensi del Codice delle assicurazioni private?
A) La trasparenza e correttezza del comportamento delle imprese di assicurazione
B) La tutela della stabilità dei mercati finanziari
C) La sana e prudente gestione delle imprese di assicurazione e di riassicurazione

29. Gli agenti autorizzati a concludere contratti di assicurazione:
A) possono compiere atti concernenti le modificazioni e la risoluzione dei medesimi contratti, salvo i limiti contenuti nella procura pubblicata nelle
forme richieste dalla legge
B) non possono compiere atti concernenti le modificazioni e la risoluzione dei medesimi contratti
C) possono compiere atti concernenti le modificazioni ma non possono compiere atti concernenti la risoluzione dei medesimi contratti

30. In base all’art. 1742 del Codice Civile, il contratto di agenzia:
A) è un contratto a titolo gratuito
B) è un contratto a titolo oneroso
C) può essere a titolo oneroso o gratuito

31. Nei contratti in forma collettiva in cui gli assicurati non sostengono, in tutto o in parte, l’onere economico connesso al pagamento dei premi nè sono portatori di un interesse alla prestazione, a chi deve essere consegnata la documentazione precontrattuale e contrattuale prevista dalle vigenti disposizioni?
A) Al solo contraente
B) Ai soli assicurati
C) Agli assicurati e al contraente

32. I reclami concernenti l’accertamento dell’osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al pubblico delle forme pensionistiche complementari sono di competenza:
A) della CONSOB
B) dell’IVASS
C) della COVIP

33. La distinzione in “rischi ordinari” e “rischi industriali” è tipica del ramo:
A) responsabilità civile generale
B) incendio
C) altri danni ai beni

34. In caso di morte dell’aderente ad una forma pensionistica complementare prima della maturazione del diritto alla prestazione:
A) l’intera posizione individuale maturata è riscattata dagli eredi ovvero dai diversi beneficiari designati dall’aderente, siano esse persone fisiche o
giuridiche
B) l’intera posizione individuale maturata resta sempre acquisita al fondo pensione. Non è mai prevista la possibilità per l’aderente di designare un
beneficiario
C) l’intera posizione individuale maturata entra a far parte del patrimonio ereditario in presenza di legittimari

35. In base al Regolamento ISVAP n. 35/2010, che cosa si intende per prodotti assicurativi vita con “capitale protetto”?
A) Contratti per i quali l’impresa presta una specifica garanzia di conservazione del capitale
B) Contratti per i quali l’impresa adotta particolari tecniche di gestione che mirano a minimizzare la possibilità di perdita del capitale investito
C) Contratti per i quali l’impresa garantisce la corresponsione di un rendimento minimo

36. Nei contratti a distanza aventi ad oggetto le assicurazioni sulla vita il consumatore ha diritto di recesso entro:
A) 30 giorni dal momento in cui ha ricevuto comunicazione che il contratto è stato concluso
B) 15 giorni dal momento in cui gli viene comunicata la conclusione del contratto
C) 30 giorni dalla conclusione del contratto

37. La riserva sinistri dei rami danni comprende le somme necessarie a far fronte al pagamento:
A) dei sinistri avvenuti nell’esercizio e negli esercizi precedenti e non ancora pagati, nonché delle relative spese di liquidazione
B) solo dei sinistri avvenuti nell’esercizio e non ancora pagati
C) solo dei sinistri avvenuti nell’esercizio e negli esercizi precedenti e non ancora pagati

38. Sono considerati provvisoriamente equipollenti al certificato di assicurazione e al contrassegno:
A) la quietanza di pagamento del premio o della rata di premio rilasciata dall’impresa di assicurazione, solo se trasmessa mediante raccomandata
B) la quietanza di pagamento del premio o della rata di premio rilasciata dall’impresa di assicurazione, anche se trasmessa mediante telefax o per
via telematica
C) l’autocertificazione del contraente attestante l’assolvimento dell’obbligo di assicurazione

39. In caso di sinistri causati da guida in stato di ebbrezza, l’impresa assicuratrice può esercitare diritto di rivalsa nei confronti del proprio assicurato responsabile per le somme versate al danneggiato?
A) Sì, salvo che il contratto preveda la clausola di rinuncia alla rivalsa
B) Sì, ma solo per sinistri superiori ad € 100.000
C) No, mai

40. Nella sezione D del RUI possono essere iscritti:
A) solo le Banche e le Sim
B) le Banche, le Sim, gli Intermediari finanziari, Poste italiane spa – Divisione servizi di bancoposta
C) solo le Banche

41. L’azione diretta che spetta al danneggiato nei confronti dell’impresa di assicurazione per un sinistro r.c. auto:
A) è soggetta al termine di prescrizione annuale
B) è soggetta al termine di prescrizione cui sarebbe soggetta l’azione verso il responsabile
C) è soggetta al termine di prescrizione decennale

42. L’adesione al Fondo di Garanzia istituito presso la CONSAP è obbligatoria per:
A) i collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A e B del RUI
B) gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI
C) gli intermediari iscritti nella sezione A del RUI

43. Quando può essere esercitato da contraenti e danneggiati il diritto di accesso agli atti relativi ai sinistri dell’assicurazione obbligatoria r.c. auto?
A) Entro 30 giorni dalla formulazione del diniego dell’offerta di risarcimento da parte dell’impresa
B) All’atto della presentazione da parte del danneggiato della richiesta di risarcimento all’impresa
C) Dopo che l’impresa ha concluso i procedimenti di valutazione, constatazione e liquidazione dei danni che li riguardino

44. L’assicurazione del credito ha la funzione:
A) di garantire il creditore dal rischio di insolvenza del debitore
B) di garantire il debitore dal rischio della propria insolvenza ripartendo il rischio medesimo fra una pluralità di assicuratori
C) di garantire il debitore dal rischio della propria insolvenza

45. Le polizze relative all’assicurazione obbligatoria r.c. auto contengono l’indicazione:
A) solo del premio globale, della provvigione riconosciuta all’intermediario in percentuale rispetto al premio globale e dell’eventuale sconto
complessivamente applicato
B) del premio globale, della provvigione riconosciuta all’intermediario – espressa sia in valore assoluto che in percentuale rispetto al premio globale
– e dell’eventuale sconto complessivamente applicato
C) solo del premio globale e dell’eventuale sconto complessivamente applicato, espresso sia in valore assoluto che in percentuale rispetto al premio
globale

46. Che cosa si intende per “franchigia relativa”?
A) Il limite di importo, superato il quale l’assicuratore indennizzerà soltanto i sinistri che eccedono la franchigia, al netto della stessa
B) Il limite di importo, entro cui l’assicuratore indennizza i sinistri
C) Il limite di importo, superato il quale l’assicuratore indennizzerà i sinistri integralmente, senza alcuna detrazione

47. Nei contratti a distanza aventi ad oggetto servizi finanziari conclusi tra un fornitore e un consumatore, il consumatore, entro i termini di legge, può recedere dal contratto, salve eccezioni di legge:
A) senza penali e senza indicare il motivo
B) senza indicare il motivo, salvo il pagamento di eventuali penali
C) senza penali, qualora sussista una giusta causa

48. L’inizio dell’eventuale periodo di inoperatività di un intermediario iscritto nelle sezioni A o B del RUI deve essere comunicato all’IVASS entro:
A) 10 giorni lavorativi dal verificarsi dell’evento
B) 20 giorni lavorativi dal verificarsi dell’evento
C) 5 giorni lavorativi dal verificarsi dell’evento

49. Nelle imprese di assicurazione, la nomina del responsabile della funzione antiriciclaggio:
A) è di competenza dell’assemblea ordinaria
B) è di competenza dell’organo amministrativo
C) è di competenza del collegio sindacale

50. I sinistri detti IBNR sono:
A) sinistri ceduti ai riassicuratori
B) sinistri non indennizzabili
C) sinistri avvenuti, ma non ancora denunciati all’assicuratore

51. Ipotizzando un sinistro di importo pari a 320, come viene ripartito tra cedente e riassicuratore il costo del sinistro in un trattato in “Quota” con conservato al 50% e cessione al 50%, se la massima capacità del trattato è di 200?
A) Cedente 100 e riassicuratore 220
B) Cedente 220 e riassicuratore 100
C) Cedente 160 e riassicuratore 160

52. L’impresa di riassicurazione determina le riserve tecniche, in relazione agli impegni assunti per l’insieme delle sue attività, sulla base:
A) di quanto comunicato dalle imprese cedenti eseguendo valutazioni autonome al fine di effettuare eventuali integrazioni per garantirne la congruità
B) di quanto comunicato dalle imprese cedenti senza effettuare proprie valutazioni di congruità
C) solo di proprie valutazioni di congruità

53. Cosa si intende per “MPL, Maximum Probable Loss”?
A) La massima valutazione dei rischi industriali
B) Il valore massimo del sinistro avvenuto in circostanze eccezionali
C) La stima dell’entità massima del sinistro che, salvo eventi eccezionali, può essere prodotto da un determinato rischio

54. A seguito della stipula di un contratto di riassicurazione, ai sensi dell’articolo 1929 del codice civile:
A) l’assicurato deve corrispondere i premi al riassicuratore
B) l’assicurato non acquista alcun diritto nei confronti del riassicuratore, salve le disposizioni delle leggi speciali sul privilegio a favore della massa
degli assicurati
C) l’impresa cedente non è più tenuta al pagamento dell’indennità nei confronti dell’assicurato

55. Le commissioni di riassicurazione sono riconosciute:
A) dalla cedente al riassicuratore nella sola riassicurazione in quota
B) dal riassicuratore alla cedente nelle forme di riassicurazione proporzionale
C) dal riassicuratore alla cedente sempre e in qualsiasi forma di riassicurazione

56. Cosa si intende per impresa di riassicurazione extracomunitaria?
A) La società avente sede legale e amministrazione centrale in uno Stato appartenente all’Unione europea, autorizzata all’esercizio dell’attività
riassicurativa
B) La società avente sede legale e amministrazione centrale in uno Stato non appartenente all’Unione europea o non aderente allo Spazio
economico europeo, autorizzata all’esercizio dell’attività riassicurativa
C) La società avente sede legale e amministrazione centrale in uno Stato non appartenente all’Unione europea, ma aderente allo Spazio economico
europeo, autorizzata all’esercizio dell’attività riassicurativa

57. Nella riassicurazione proporzionale in eccedente, ipotizzando una conservazione pari a 50 e come limite massimo, per il trattato di (primo) eccedente, un multiplo pari a 4, un rischio di 280 come viene suddiviso tra riassicuratore di primo eccedente e riassicuratore di secondo eccedente?
A) Riassicuratore di primo eccedente 250 e riassicuratore di secondo eccedente 30
B) Riassicuratore di primo eccedente 200 e riassicuratore di secondo eccedente 80
C) Riassicuratore di primo eccedente 200 e riassicuratore di secondo eccedente 30

58. Nel caso di costituzione di un deposito in contanti della riserva premi e della riserva sinistri, è previsto il pagamento di interessi?
A) Sì, soltanto se il risultato del trattato è in utile
B) No
C) Sì

59. Il trattato in eccedente:
A) è un trattato non proporzionale perchè il premio e il sinistro non sono ripartiti nella stessa proporzione
B) è un trattato proporzionale perché il premio e il sinistro sono ripartiti nella stessa proporzione
C) è un trattato di riassicurazione a copertura di alcune poste di bilancio

60. Cosa si intende per “clean cut”?
A) La facoltà concessa al riassicuratore di” tagliare” i rischi non graditi e se necessario di risolvere il trattato
B) Impegno del riassicuratore su tutti i sinistri rimanenti a carico del trattato all’inizio del rapporto, indipendentemente dalla data di accadimento o
dall’anno di competenza
C) L’impegno che assume il riassicuratore, a scadenza del trattato, di rinnovarlo per un biennio a seguito della richiesta della cedente

61. Le società che intendono esercitare l’attività di intermediazione riassicurativa devono disporre di un capitale sociale, interamente versato, non inferiore a
A) € 550.000
B) € 120.000
C) € 600.000

62. Che cosa sono i sinistri per cassa in un trattato proporzionale in quota?
A) Sinistri che, in base alla facoltà prevista nel trattato, la cedente paga al danneggiato
B) Sinistri che, in base alla facoltà prevista nel trattato, il riassicuratore anticipa all’impresa cedente, e che saranno oggetto di recupero soltanto al
momento della presentazione dei rendiconti periodici
C) Sinistri che, in base alla facoltà prevista nel trattato, il riassicuratore paga direttamente al danneggiato, in sostituzione dell’impresa cedente

63. In un trattato “Stop Loss” con franchigia al 70% del montepremi protetto, una garanzia al 40% del medesimo montepremi, un cumulo effettivo di sinistri verificatisi nell’anno di 190 ed un montepremi effettivo di 250, quale è l’importo dei sinistri addebitabile al riassicuratore in base al trattato?
A) 15
B) 25
C) 35

64. Cosa si intende per retrocessione?
A) Il contratto con il quale un riassicuratore cede, a sua volta, ad altro riassicuratore i rischi assunti
B) Il contratto con il quale la cedente trasferisce ad altro riassicuratore i rischi conservati
C) Il contratto con il quale più assicuratori si ripartiscono il medesimo rischio per quote determinate

65. E’ possibile prevedere in un trattato di riassicurazione la partecipazione della cedente alla sinistralità del trattato?
A) Sì
B) Sì, ma solo se la sinistralità supera il 100% dei premi emessi dalla cedente
C) No

66. Il trattato di riassicurazione non proporzionale:
A) è l’accordo tra la cedente e il riassicuratore con il quale la prima si obbliga a cedere una parte convenuta di tutti i rischi presenti nel suo
portafoglio di un ramo o di una categoria di rischi sottoscritti
B) è l’accordo tra la cedente e il riassicuratore con il quale quest’ultimo si impegna a pagare alla cedente tutti i sinistri superiori a un limite specifico
relativo a un portafoglio di rischi protetti
C) è l’accordo tra la cedente e il riassicuratore con il quale quest’ultimo condivide con la prima, in base ad una percentuale prefissata, tutti i sinistri
e riceve la stessa percentuale dei premi meno le commissioni

67. In caso di liquidazione coatta amministrativa dell’impresa cedente:
A) il riassicuratore perde il diritto al pagamento dei premi non corrisposti dall’impresa cedente
B) i crediti e i debiti reciproci tra riassicuratore e impresa cedente, risultanti dalla chiusura dei conti, si compensano di diritto
C) il riassicuratore è tenuto comunque a corrispondere per intero all’impresa cedente le indennità pattuite senza poter opporre in compensazione il
proprio diritto ai premi

68. La quota di garanzia dell’impresa di riassicurazione è rappresentata:
A) da un quinto del margine di solvibilità richiesto
B) da un terzo del margine di solvibilità richiesto
C) da un quarto del margine di solvibilità richiesto

69. Che cos’è la “claims control clause” nel trattato “Excess Loss”?
A) La clausola che prevede la facoltà della cedente di affidare la liquidazione del sinistro al riassicuratore trattando direttamente con il danneggiato
B) La clausola che, se prevista contrattualmente, dà diritto al riassicuratore di intervenire nella perizia e valutazione di un danno
C) La clausola che prevede la facoltà del riassicuratore di subentrare alla cedente nel pagamento al danneggiato del sinistro rientrante nella portata
del trattato

70. E’ possibile costituire nel territorio della Repubblica società che hanno per oggetto esclusivo l’esercizio all’estero dell’attività riassicurativa?
A) No
B) Si, purchè la società svolga attività riassicurativa all’estero nei soli rami danni
C) Si

Bando esame IVASS RUI 2015

PROVVEDIMENTO N. 26 DEL 16 DICEMBRE 2014
Prova di idoneità per l’anno 2014 per l’iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi.

esame ivass rui

esame ivass rui

L’ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE
VISTA la legge 12 agosto 1982, n. 576 e le successive disposizioni modificative ed integrative;
VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 e successive modificazioni ed integrazioni, recante il Codice delle assicurazioni private e, in particolare, l’articolo 109 che istituisce il Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi e l’articolo 110, che
attribuisce all’Istituto il potere di determinare le modalità di svolgimento della prova di idoneità per l’iscrizione delle persone fisiche nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi, nonché di provvedere alla relativa organizzazione e gestione;
VISTO il regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente la disciplina dell’attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa e, in particolare, gli articoli 9 e 10;
VISTO il decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, concernente disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, convertito con modifiche nella legge n. 135 del 7 agosto 2012 che ha disposto l’istituzione di IVASS;
RAVVISATA la necessità di indire una prova di idoneità per l’anno 2014 per l’iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi;

DISPONE

ARTICOLO 1
(Prova di idoneità e requisiti per l’ammissione)

1. E’ indetta per l’anno 2014 una prova di idoneità per l’iscrizione nelle sezioni A e B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi di cui all’articolo 109 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209.
2. Per l’ammissione alla prova è richiesto il possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, del titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di corso di durata quinquennale oppure quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge o di un titolo di studio estero sostanzialmente equipollente.

ARTICOLO 2
(Presentazione della domanda di ammissione e procedura di ammissione alla prova)

1. A pena d’esclusione, il candidato dovrà produrre domanda di ammissione alla prova di idoneità in via telematica, entro la data di scadenza indicata nel comma successivo, utilizzando l’applicazione informatica accessibile all’indirizzo www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di produzione o di invio delle domande di partecipazione alla prova di idoneità.
2. La data di presentazione on-line della domanda di partecipazione alla prova è certificata dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la sua presentazione, non permetterà l’accesso e l’invio del modulo elettronico. Al fine di evitare un’eccessiva concentrazione nell’accesso all’applicazione in prossimità della scadenza del termine previsto dal bando, si raccomanda vivamente di formalizzare per tempo la propria candidatura, tenuto anche conto del tempo necessario per completare l’iter di registrazione propedeutico alla presentazione della domanda.
3. La procedura di compilazione ed invio on-line della domanda potrà avere inizio a partire dalle ore 12.00 del 23 marzo 2015 e dovrà concludersi entro le ore 12.00 del 30 aprile 2015.
4. Nella domanda di ammissione alla prova di idoneità i candidati dichiarano ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e con le responsabilità di cui all’articolo 76 dello stesso decreto:
a) cognome e nome;
b) luogo e data di nascita;
c) codice fiscale;
d) comune di residenza e relativo indirizzo;
e) domicilio (se diverso dalla residenza) e numero telefonico per eventuali comunicazioni;
f) estremi di un documento di identità in corso di validità;
g) titolo di studio posseduto, con l’indicazione della data del conseguimento e dell’Istituto presso il quale è stato conseguito, completa di sede e relativo indirizzo;
h) il codice identificativo e la data di emissione di una marca da bollo di € 16,00, che dovrà successivamente essere consegnata, al momento dell’identificazione prima della prova, ed apposta sulla domanda di ammissione di cui al comma 5;
i) la prova di idoneità alla quale intendono partecipare ai fini dell’iscrizione nelle
sezioni A o B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi:
– 1) Modulo assicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 4, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006);
– 2) Modulo riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 ed è riservato a chi è già idoneo all’esercizio dell’attività assicurativa);
– 3) Modulo assicurativo e riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa o riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, commi 4 e 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006); La scelta del modulo attiene al tipo di attività che si intende esercitare (attività assicurativa – attività riassicurativa – attività assicurativa e riassicurativa) e non alla sezione del Registro (RUI) alla quale il candidato intende iscriversi.

5. In fase di inoltro della domanda, l’applicazione informatica attribuirà alla domanda stessa il numero identificativo univoco del candidato, composto dal codice della prova e dal numero di protocollo. Tale numero dovrà essere citato per qualsiasi successiva comunicazione. Al termine della procedura di presentazione della domanda di ammissione, l’applicazione informatica invierà, tramite posta elettronica, il modulo di domanda riportante gli estremi identificativi sopraindicati all’indirizzo utilizzato in fase di registrazione al portale, a conferma dell’intervenuta iscrizione. Si raccomanda
vivamente di verificare la ricezione della predetta e-mail di conferma dell’intervenuta iscrizione.
6. Il giorno della prova i candidati verranno chiamati a confermare quanto dichiarato nella domanda di partecipazione mediante sottoscrizione di un’apposita dichiarazione all’atto dell’identificazione, previa:
a) esibizione di un documento di riconoscimento in corso di validità;
b) consegna della marca da bollo di € 16,00 di cui al comma 3, lett. h.
7. L’ammissione all’esame avverrà con la più ampia riserva di accertamento da parte dell’Istituto – in qualsiasi momento, anche successivo allo svolgimento delle prove – del possesso dei requisiti di partecipazione richiesti dal presente provvedimento e dichiarati dal candidato.
8. Per il riconoscimento dei benefici previsti dall’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, i candidati disabili devono indicare – mediante compilazione della sezione “disabilità” dell’applicazione – la necessità di tempi aggiuntivi e/o di ausili per lo svolgimento delle prove in relazione alla specifica condizione di disabilità. A tal fine i candidati devono attestare di essere stati riconosciuti disabili mediante dichiarazione da rendere secondo lo schema della sezione “disabilità”. I candidati disabili possono, per ogni evenienza, prendere contatto con il Servizio Vigilanza Intermediari Assicurativi dell’IVASS.
9. Qualora l’IVASS riscontri la non veridicità di quanto dichiarato dal candidato, procederà all’annullamento della prova dallo stesso sostenuta.
10. Ogni variazione di recapito dovrà essere tempestivamente comunicata all’IVASS, mediante posta elettronica, all’indirizzo “esame.intermediari@ivass.it”.
11. L’IVASS non assume alcuna responsabilità nel caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta o non chiara trascrizione dei dati anagrafici o del recapito da parte del candidato o da mancata o tardiva comunicazione della variazione di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o informatici non imputabili all’Istituto stesso o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

ARTICOLO 3
(Cause di esclusione)

1. Sono esclusi dalla partecipazione alla prova di idoneità i candidati che:
a) alla data di presentazione della domanda di ammissione non siano in possesso del requisito di cui all’articolo 1, comma 2;
b) il giorno dello svolgimento dell’esame di cui all’articolo 5 non esibiscano un documento di riconoscimento in corso di validità o rifiutino di sottoscrivere la dichiarazione sostitutiva relativa alla domanda di partecipazione.

ARTICOLO 4
(Articolazione della prova di idoneità)

1. La prova di idoneità consta di un esame scritto, articolato in un questionario a risposta multipla e a scelta singola.
2. L’esame per il Modulo assicurativo verte sulle materie di seguito elencate, avuto particolare riguardo agli argomenti indicati nella tabella A allegata al presente
provvedimento:
a) diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’Istituto;
b) disciplina della previdenza complementare;
c) disciplina dell’attività di agenzia e di mediazione;
d) tecnica assicurativa (rami vita e danni);
e) disciplina della tutela del consumatore;
f) nozioni di diritto privato;
g) nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare.
3. L’esame per il Modulo riassicurativo verte sulle materie di seguito elencate, avuto particolare riguardo agli argomenti indicati nella tabella B allegata al presente provvedimento:
a) disciplina del contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione;
b) tecnica riassicurativa.
4. L’esame per il Modulo assicurativo e riassicurativo verte sulle materie di cui ai commi 2 e

ARTICOLO 5
(Data e luogo dell’esame)

1. La data, il luogo e l’orario dell’esame sono comunicati entro novanta giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4° Serie Speciale “Concorsi ed Esami”. Entro lo stesso termine e con le stesse modalità – qualora per motivi organizzativi non sia possibile determinare data, luogo e orario di svolgimento dell’esame – viene indicata la Gazzetta Ufficiale sulla quale tale avviso viene successivamente pubblicato. Nel caso in cui circostanze straordinarie e imprevedibili rendano necessario rinviare lo svolgimento della prova scritta dopo la pubblicazione dell’avviso, la notizia del rinvio e la comunicazione della data, del luogo e dell’orario dell’esame viene prontamente diffusa mediante avviso sulla Gazzetta Ufficiale. Tali comunicazioni assumono valore di notifica a tutti gli effetti di legge.
2. Le suesposte informazioni sono disponibili anche sul sito internet dell’IVASS, all’indirizzo www.ivass.it. L’IVASS non assume responsabilità in ordine alla diffusione di informazioni inesatte riguardanti l’esame da parte di fonti non autorizzate.

ARTICOLO 6
(Svolgimento dell’esame)

1. I candidati, i quali non siano stati esclusi dalla prova di idoneità ai sensi dell’articolo 3, sono ammessi a sostenere l’esame e sono tenuti a presentarsi nel giorno e nel luogo stabiliti ai sensi dell’articolo 5.
2. Il tempo assegnato ai candidati per lo svolgimento dell’esame è comunicato dalla Commissione prima del suo inizio.
3. Per lo svolgimento dell’esame non è ammessa la consultazione di vocabolari, dizionari, testi, né l’utilizzo di telefoni cellulari, calcolatrici e altri supporti elettronici o cartacei di qualsiasi specie. L’inosservanza di tali disposizioni, nonché di ogni altra disposizione stabilita dalla Commissione esaminatrice per lo svolgimento dell’esame, comporta l’immediata esclusione del candidato dalla prova.
4. L’esame è corretto in forma anonima con l’ausilio di tecnologia informatica e si intende superato dai candidati che abbiano riportato una votazione non inferiore a sessanta centesimi (60/100). I criteri di attribuzione del punteggio per ciascuna risposta esatta, omessa errata o multipla sono comunicati prima dell’inizio della prova.

ARTICOLO 7
(Esito dell’esame)

1. L’esito dell’esame dovrà essere verificato da ciascun candidato accedendo al sito internet dell’IVASS, previo inserimento delle credenziali personali assegnate durante la fase di registrazione di cui all’articolo 2. Tale modalità di comunicazione assume il valore di notifica a tutti gli effetti di legge.
2. L’IVASS rende nota, mediante specifico comunicato sul proprio sito internet, la data a far tempo dalla quale ciascun candidato potrà, con tali mezzi, acquisire conoscenza dell’esito dell’esame.

ARTICOLO 8
(Commissione esaminatrice)

1. La Commissione esaminatrice della prova di idoneità è nominata dall’IVASS con proprio provvedimento una volta scaduto il termine per la presentazione delle domande di ammissione. Nel provvedimento viene altresì nominato un membro supplente per ciascuna delle categorie di membri di cui al comma 2.
2. La Commissione è composta da:
a) due dirigenti dell’IVASS, di cui uno con funzioni di Presidente;
b) due funzionari dell’IVASS;
c) due docenti universitari in una delle seguenti discipline:
– diritto privato;
– diritto civile;
– diritto commerciale;
– diritto delle assicurazioni.
3. Le funzioni di segreteria sono svolte da due dipendenti dell’IVASS.4. Il Presidente della Commissione esaminatrice, ove si renda necessario in ragione delle
esigenze di celerità connesse al numero dei candidati, può suddividere la Commissione in due sottocommissioni, ciascuna composta da un funzionario dell’IVASS e da un docente universitario, attribuendo funzioni di Presidente della sottocommissione al secondo membro dirigente dell’IVASS. Il Presidente della Commissione ripartisce tra le due sottocommissioni i compiti assegnati alla Commissione per l’espletamento della prova.

ARTICOLO 9
(Informativa sul trattamento dei dati personali dei candidati)

1. Ai sensi dell’articolo 13, comma 1, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, si informano i candidati che i dati personali sono raccolti e conservati presso l’IVASS e sono trattati anche in forma automatizzata ai soli fini dell’espletamento della prova di idoneità e per l’assolvimento delle finalità ad essa connesse.
2. I dati idonei a rivelare lo stato di salute dei candidati sono trattati per l’adempimento degli obblighi previsti dalle leggi nn. 104/1992 e 68/1999 e dal D.P.R. n. 487/1994.
3. I dati di cui ai precedenti commi possono essere gestiti da soggetti terzi che forniscono specifici servizi di elaborazione di dati strumentali allo svolgimento della procedura di concorso e comunicati ad altre amministrazioni pubbliche ai fini di verifica di quanto dichiarato dai candidati ovvero negli altri casi previsti da leggi e regolamenti.
4. Agli interessati sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del d.lgs. n. 196/2003, tra i quali figura il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione se erronei, incompleti o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.
5. Titolare del trattamento è l’IVASS, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private, via del Quirinale n. 21, Roma.
Il presente provvedimento è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana,
nel Bollettino e sul sito dell’IVASS all’indirizzo www.ivass.it.

Tabella A
Modulo assicurativo
Dettaglio delle materie
Diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’Istituto:
– normativa primaria contenuta nel Codice Civile e nel Codice delle Assicurazioni private:
— impresa di assicurazione:
– condizioni di accesso all’attività (imprese aventi sede legale nel territorio della Repubblica, in uno Stato membro, in uno Stato terzo);
– condizioni di esercizio dell’attività;
— contratto di assicurazione:
– definizione e caratteri;
– soggetti (contraente, assicurato, beneficiario, assicurazione in nome altrui, per conto di terzi, a favore di terzi);
– rischio (dichiarazioni inesatte o reticenti; inesistenza e cessazione del rischio; aggravamento e diminuzione del rischio; rischi assicurabili; delimitazioni del rischio);
– premio e mancato pagamento del premio;
– durata del contratto;
– documentazione contrattuale;
– prescrizione in materia assicurativa;
— vigilanza nel settore assicurativo e riassicurativo:
– finalità;
– destinatari;
– funzioni e poteri dell’IVASS;
– normativa secondaria
– Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 concernente gli obblighi informativi a carico delle imprese in occasione di ciascuna scadenza annuale dei contratti r.c.auto di cui al titolo XIV (vigilanza sulle imprese e sugli intermediari) capo I (disposizioni generali) nonché la disciplina relativa all’attestazione sullo stato del rischio di cui al titolo X (assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e i natanti),

capo II (esercizio dell’assicurazione) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n.209 – Codice delle assicurazioni;
– Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 concernente la disciplina dell’attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa di cui al titolo IX (intermediari di assicurazione e di riassicurazione) e di cui all’articolo 183 (regole di comportamento) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 9 del 14 novembre 2007 recante la disciplina dell’uso di denominazione assicurativa ai sensi dell’articolo 308, comma 3, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina del certificato di assicurazione, del contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro di cui al titolo X (assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e i natanti) capo I
(obbligo di assicurazione) e capo IV (procedure liquidative) del decreto legislativo 7
settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 23 del 9 maggio 2008 concernente la disciplina della
trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e natanti, di cui all’articolo 131 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 24 del 19 maggio 2008 concernente la procedura di presentazione dei reclami all’ISVAP di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private e la procedura di gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione;
– Regolamento ISVAP n. 32 dell’11 giugno 2009 recante la disciplina delle polizze con prestazioni direttamente collegate ad un indice azionario o altro valore di riferimento di cui all’articolo 41, comma 2, decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 34 del 19 marzo 2010 recante disposizioni in materia di promozione e collocamento a distanza di contratti di assicurazione di cui agli
articoli 183 e 191, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento ISVAP n. 35 del 26 maggio 2010 concernente la disciplina degli obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi, di cui al titolo XIII del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
– Regolamento IVASS n. 1 dell’8 ottobre 2013 concernente la procedura di irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie;
– Regolamento IVASS n. 2 dell’8 ottobre 2013 concernente la procedura di applicazione delle sanzioni disciplinari;
– Regolamento IVASS n. 5 del 21 luglio 2014 concernente disposizioni attuative circa le modalità di adempimento degli obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione da parte delle imprese di assicurazione e degli intermediari assicurativi, ai sensi dell’articolo 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231.

Disciplina della previdenza complementare:
– principali forme pensionistiche complementari;
– fondi pensione:
— fondi aperti e fondi chiusi;
— modalità di adesione ai fondi pensione e regole di comportamento.

Disciplina dell’attività agenziale e di mediazione:
– attività di intermediazione assicurativa:
– condizioni di accesso (requisiti di iscrizione nel Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi, cancellazione, reiscrizione, Fondo di Garanzia dei mediatori di assicurazione e riassicurazione, attività in regime di stabilimento e di libera prestazione di servizi);
– regole di comportamento (separazione patrimoniale, doveri e responsabilità verso gli assicurati, informazione precontrattuale, contributo di vigilanza);
– la disciplina antiriciclaggio ed antiusura;
– sanzioni pecuniarie e disciplinari;
– contratto di agenzia disciplinato dal codice civile;
– contratto di agenzia di assicurazioni:
– contratto di mediazione disciplinato dal codice civile;
– contratto di mediazione assicurativa;Tecnica assicurativa:
– assicurazione contro i danni:
– interesse e valore (valore assicurabile, valore assicurato e valore a nuovo, sottoassicurazione e sopra assicurazione, massimali);
– sinistro e danno (obblighi di avviso e salvataggio, scoperto, franchigia relativa e assoluta, risarcimento, liquidazione e pagamento dell’indennità, surroga
dell’assicuratore);
– rami danni:
– rami infortuni e malattia (caratteristiche, somma assicurata, denuncia e gestione del sinistro, principali tipologie di coperture assicurative);
– ramo responsabilità civile per rischi diversi (caratteristiche, principali tipologie di coperture assicurative, con particolare riferimento alla responsabilità civile professionale);
– assicurazione obbligatoria per la circolazione di veicoli a motore e natanti (caratteristiche, documenti assicurativi, formule tariffarie, risarcimento del danno, prescrizione);
– rami incendio e furto (caratteristiche, valutazione e determinazione del rischio, sinistro e danno, obblighi in caso di sinistro, principali tipologie di coperture assicurative);
– rami credito e cauzioni (caratteristiche, crediti assicurabili, procedura di affidamento, polizze fideiussorie, principali tipologie di coperture assicurative);
– rami assistenza e tutela legale (caratteristiche, obbligo di avviso e gestione del sinistro principali tipologie di coperture assicurative);
– assicurazioni vita:
– assicurazioni caso vita, caso morte e miste;
– assicurazione sulla vita di un terzo e assicurazione per conto di terzi;
– assicurazione a favore di terzi;
– riduzione, riscatto e prestito su polizza;
– indicizzazione e rivalutazione;
– prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione (unit linked, index linked e polizze di capitalizzazione).

Nozioni di disciplina della tutela del consumatore:
– fonti: decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 – Codice del consumo;
– soggetti (professionista, consumatore e associazione di consumatori);
– educazione, informazione e pubblicità;
– rapporto di consumo;

Nozioni di diritto privato:
– fonti del diritto;
– soggetti del rapporto giuridico: persona fisica e persona giuridica;
– obbligazioni:
– elementi del rapporto obbligatorio;
– modificazione dei soggetti del rapporto obbligatorio;
– adempimento, inadempimento e modi di estinzione delle obbligazioni diversi dall’adempimento;
– obbligazioni pecuniarie, alternative, solidali, divisibili e indivisibili; contratti:
– nozione e classificazioni;
– elementi essenziali ed accidentali;
– conclusione del contratto;
– efficacia e validità;
– invalidità, inefficacia, rescissione e risoluzione;
– la rappresentanza;
– elementi fondamentali di diritto societario;
– responsabilità contrattuale;
– responsabilità extracontrattuale;

Nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare:
– imposte sulle assicurazioni: oggetto dell’imposta, soggetto passivo;
– trattamento fiscale dei premi e delle prestazioni assicurative;
– regime tributario delle forme pensionistiche complementari.Tabella B Modulo riassicurativo

Dettaglio delle materie
Disciplina del contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione:
– riassicurazione:
– natura e funzione;
– effetti della riassicurazione sul mercato;
– impresa di riassicurazione:
– condizioni di accesso all’attività;
– condizioni di esercizio dell’attività;
– contratto di riassicurazione:
– definizione e caratteri;
– soggetti;
– rischio e interesse;
– formazione del contratto;
– diritti ed obblighi del riassicurato e del riassicuratore;
– distinzione tra riassicurazione e coassicurazione;
– tipologie riassicurative per la gestione dei rischi;
– disciplina di settore:
– circolare ISVAP n. 574 D del 23 dicembre 2005;
– Regolamento n. 33 del 10 marzo 2010 concernente l’accesso e l’esercizio dell’attività di riassicurazione di cui ai Titoli V, VI, XIV, XVI del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private.

Tecnica riassicurativa:
– riassicurazione attiva e passiva;
– limiti di conservazione;
– trattati facoltativi: specificità;
– trattati obbligatori proporzionali: specificità;
– trattati obbligatori non proporzionali: specificità;
– altre tipologie di trattati;
– contabilità nella riassicurazione: nozioni di base;
– documentazione contabile;
– intermediario di riassicurazione: caratteristiche, ruolo, funzioni e obblighi.

Domande esame rui IVASS 2014

Ecco le domande dell’esame RUI IVASS 2014 inviate dagli utenti della nostra community:

1)la riserva sinistri dei rami danni comprende le somme necessarie a far fronte al pagamento:
a)solo dei sinistri avvenuti nell’esercizio e non ancora pagati
b)solo dei sinistri avvenuti nell’esercizio e negli esercizi precedenti e non ancora pagati
c)dei sinistri avvenuti nell’esercizio e negli esercizi precedenti e non ancora pagati, nonchè delle relative spese di liquidazione.

2)l’adesione al fondo di garanzia istituito presso la CONSAP è obbligatorio per:
a)agli intermediari iscritti nella sezA del rui
b)i collaboratori degli intermediari iscritti nelle sez A e B del rui
c)gli intermediari iscritti nella sez: B del rui

3)gli agenti autorizzati a concludere contratti di assicurazione:
a)possono compiere atti concernenti le modificazioni manon possono compiere atti concernentila risoluzione dei medesimi contratti
b)non possono compiere atti concernentile modificazioni e la risoluzione dei medesimi contratti
c)possono compiere atti concernenti le modificazioni e la risoluzione dei medesimi contratti, salvo i limiti contenuti nella procura pubblicata nella formerichieste dalla legge

4) nei contratti a distanzaaventi ad oggetto servizi finanziari conclusi tra un fornitore e un consumatore, il consumatore, entro i termini di legge, può recedere al contratto, salvo eccezioni di legge:
a)senza penali,qualora sussista una giusta causa
b)senza penali e senza indicare il motivo
c)senza indicare il motivo, salvo pagamento di eventuali penali

5) quali dei seguenti requisiti deve soddisfare la modalità di indicizzazione dei contratti “Index Linked”?
a)gli indici devono essere semplici e soddisfare i requisiti di agevole comprensibilità da parte del contraente
b)il profilo di rischio assunto dal contraente attraverso l’indicizzazione deve essere minimo
c)non deve soddisfare alcun requisito

6) cosa si intende per “franchigia relativa”?
a)il limite di importo, entro cui l’assicuratore indennizza i sinistri
b)il limite di importo superato il quale l’assicuratore indennizzerà i sinistri interamente, senza alcuna detrazione
c) il limite di importo, superato il quale, l’assicuratore indennizzerà i sinistri che eccedono la franchigia, al netto della stessa

7) cosa si intende per tasso annuodi interesse garantito in una polizza VITA RIVALUTABILE?
a)il tasso medio di rendimento annuo dei prestiti obbligazionari emessi dallo Stato
b)in una polizza vita rivalutabilenon sono mai previste garanzie di tasso d’interesse
c)la garanzia annua di rendimentominimo prevista dal contratto

8)qual’è la differenza tra fondo pensione a prestazione definita e un fondo pensione a contribuzione definita?
a)nel primo caso la prestazione finale è predefinita, nel secondo i contributi sono predefiniti
b)nel primo caso i contributi sono predefiniti, nel secondo il rendimento finale è predefinito
c)non sussiste nessun elemento di differenza

9)le spese di salvataggio sostenute dall’assicurato:
A)sono sempre interamente a carico dell’assicuratore
b)sono sempre a carico dell’assicurato
c)sono a carico dell’assicuratore in proporzione del valore assicuratorispetto a quello che aveva la cosa al tempo del sinistro

10) quale tra le seguenti finalità, non rientra tra quelle poste alla base dell’attività di vigilanza dell’IVASS ai sensi del codice delle assicurazioni private?
a)la trasparenza e correttezza del comportamento delle imprese di assicurazione
b) la tutela della stabilità dei mercati finanziari
c)la sana e prudente gestione delle imprese di assicurazione e riassicurazione

11)nella sez D del RUI possono essere iscritti:
a)solo le Banche e le SIM
b) solo le banche
c)le banche, le sim, gli intermediari finanziari, poste italiane spa-divisione servizi Banco Posta

12)sono considerati provvisoriamente equipollenti al certificato di assicurazione e al contrassegno:
a)la quietanza del pagamento del premio o della rata del premio rilasciata dall’impresa di assicurazione, solo se trasmessa tramite raccomandata
b) la quietanza del pagamento del premio o della rata del premio rilasciata dall’impresa di assicurazione, anche se trasmessa tramite fax o per via telematica
c) l’autocertificazione del contraente attestante l’assolvimento dell’obbligo di assicurazione.

13)il debitore che, per errore, paghi prima della scadenza del termine stabilito in suo favore:
a)non ha diritto alla restituzione del pagamento effettuato, e non può neppure chiedere la restituzione di ciò di cui il creditore si sia eventualmente arricchito per effetto dell’anticipazione del pagamento
b) ha diritto di chiedere la restituzione del pagamento anticipato
c) non ha diritto alla restituzione del pagamento effettuato

14) se l’assicurazione è stipualata per conto di chispetta:
a)l’assicurato non può far valerei diritti derivanti dal contratto senza il consenso del contraente
b)il contraente non può far valerei diritti derivanti dal contratto senza il consenso dell’assicurato
c)il contraente e l’assicurato possono far valere i diritti derivanti dal contratto solo congiuntamente

15) in base al regolamento ISVAP n.35/2010 che cosa si intende per prodottiassicurativi vita con “capitale protetto”?
a)contratti per i quali l’impresa garantisce la corrisponsione di un rendimento minimo
b)contratti per i quali l’impresa adotta particolari tecniche digestione che mirino a minimizzare la possibilità di perdita del capitale investito
c)contratti per i quali l’impresa presta una specifica garanzia di conservazione del capitale

16) nei contratti a distanza aventi ad oggetto le assicurazioni sulla vita il consumatore ha diritto di recesso entro:
a)30 gg dalla conclusione del contratto
b) 15 gg dal momentio in cui gli viene comunicatala conclusione del contratto
c) 30gg dal momento in cui ha ricevuto comunicazione che il contratto è concluso

17) i reclami concernentil’accertamento dell’osservanza delle dispozioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n 252 disciplinanti la trasparenzae le modalità di offertaal pubblico delle formepensionistiche complementarisono di competenza:
a) dell’IVASS
b)della COVIP
c)della CONSOB

18) ai sensi dell’art.174, comma 1,del codice delle assicurazioni private, il contraente di un contratto di assicurazione di “tutela legale” ha facoltà, ovene abbia la necessità per un procedimento giudiziario o amministrativo, di scegliere un professionista abilitato per la sua difesa?
a)no
b) si
c) si,ma solo per controversie riguardanti la circolazione stradale

19) le clausole che abbiano per oggetto o per effetto di escludere o limitarele azioni del consumatore nei confronti del professionista o di un altra parte in casodi inadempimento totale o parziale o di inadempimento inesatto da parte del professionista:
a) sono annullabili
b) sono nulle quaNTUNQUE abbiano formato oggetto di trattativa individuale
c) sono nulle solo se non hanno formato oggetto di trattativa individuale

20) costituiscono redditi ai fini IRPEF:
a)le indennità conseguite a causa di morte
b) i proventi conseguiti in sostituzione dei redditie le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento di danniconsistenti nella perdita dei redditi
c)le indennità percepite a causa di invalidità permanente

21) l’assicurazione del credito ha la funzione:
a)di garantire il debitore dal rischio della proèpria insolvenza
b)di garantire il creditore dal rischio di insolvenza del debitore
c) di garantire il debitore dal rischiodella propria insolvenza ripartendo il rischio medesimo fra una pluralità di assicurazioni

22)come avviene la designazione del beneficiario nell’assicurazione della vita a favore di terzi?
a)la designazione non richiede particolari formalità e può essere fatta anche oralmente sino al giorno che precede la scadenza contrattuale
b)la designazione può essere fatta solo per testamento
c)la designazione deve avvenire per iscritto in sede di stipula del contrattodi assicurazione o con successiva dichiarazione scritta comunicata all’assicuratore o per testamento

23)i sinistri detti IBNR sono:
a)sinistri ceduti ai riassicuratori
b) sinistri non indennizzabili
c) sin istri avvenuti, ma non ancora denunciati all’assicuratore

24) in caso di sinistri causati da guida di stato di ebrezza, l’impresa assicuratrice può esercitare diritto di rivalsa nei confronti del proprio assicurato responsabile per le somme versate dal danneggiato?
a) si, salvoche il contratto preveda la clausola di rinuncia alla rivalsa
b)no, mai
c) si ma solo per sinistri superioriad euro 100.000

25) ai sensi del codice delle assicurazioni private,quale compensazione è consentita sul conto separato intestato all’intermediario assicurativo in tale qualità?
a)nessun tipo di compensazione
b)solo compensazione giudiziale
c)solo compensazione legale

26)in caso di trasferimento di portafoglio di impresa di assicurazione italiana a favore di un impresa di assicurazione con sede legale all’estero:
a)i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in italia, possono recedere al contratto di assicurazione60 giorni dalla pubblicazione del provvedimentodi autorizzazione
b)i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in italia, non possono recedere dal contratto di assicurazione
c) i contraenti con domicilio o, se persone giuridiche, sede legale in italia, possono recedere dal contratto di assicurazione entro 90 gg dal provvedimento di autorizzazione

27) la tass di concessione governativa di euro 168 deve essere pagata:
a)una sola volta, in caso di iscrizione o reiscrizione nel RUI, da parte di tutti gli intermediari, iscritti in qualunque sez. del RUI
b)annualmente,soltanto dagli iscritti nella sez.A, B e D del RUI
c) una sola volta, in caso di iscrizione nel RUI, solo dagli iscritti in sez.A B e D

28) il contratto di assicurazione, avente ad oggetto il pagamento del prezzo del riscatto in caso di sequestro di persona è:
a)valido ed efficace
b) nullo, salvo in cui il sequestrato sia un minore
c) nullo

29) quando può essere esercitato da contraenti e danneggiati il diritto di accesso agli atti relativi ai sinistro dell’assicurazione obbligatoria RCAUTO?
a) entro 30 gg dalla formulazione del diniego dell’offerta dfi risarcimento da parte dell’impresa
b) all’atto della presentazione da parte del danneggiato della richiesta di risarcimento all’impresa
c) dopo chye l’impresa ha concluso i procedimenti di valutazione, constatazione e liquidazione dei danni li riguardino

30) nei contratti in forma collettiva, in cui gli assicurati non sostengono, in tutto o in parte l’onere economico connesso al pagamento dei premi, nè sono portatori di un interesse alla prestazione, a chi dev’essere consegnata la documentazione precontrattuale e contrattuale prevista dalle vigenti disposizioni?
a) al solo contraente
b) agli assicurati e al contraente
c) ai soli assicurati

31) nelle imprese di assicurazione, la nomina del responsabile della funzione antiriciclaggio:
a) è di competenza dell’assemblea ordinaria
b) è di competenza del collegio sindacale
c) è di competenza dell’organo amministrativo

32) se, nel momento in cui l’assicurazione deve avere inizio, non esiste un interesse dell’assicurato al risarcimento del contratto di assicurazione contro i danni:
a) è rescindibile
B) è annullabile
c) è nullo

33) se il consenso è stato estorto al contraente con violenza, il contratto:
a) è rescindibile
b) annullabile
c) è nullo

34) l’inizio di un eventuale periodo di inoperatività di un intermediario iscritto nelle sez.A o B dei RUI, deve essere comunicato all’IVASS entro:
a)20 gg lavorativi dal verificarsi dell’evento
b)5 gg lavorativi dal verificarsi dell’evento
c)10 gg lavorativi dal verificarsi dell’evento

35) i soggetti cancellati dal RUi a seguito di provvedimento di radiazione, possono essere reiscritti:
A)decorsi 2anni dalla cancellazione, purchè in possesso di tutti i requisiti previsti per l’iscrizione nella sezione di destinazione
B) mai
C) decorsi 5 anni dalla cancellazione purchè in possesso di tutti i requisiti previsti per l’iscrizione nella sezione di destinazione

36) ai sensi del codice delle assicurazioni, a quale compagnia è presentata la richiesta di risarcimento del danno subito dal terzo trasportato nell’RCAUTO?
a) esclòusivamente all’impresa presso la quale è assicurato il responsabile del sinistro
b)all’impresa presso la quale è assicurato il trasportato medesimo
c) all’impresa presso la quale è assicurato il veicolo a bordo del quale il danneggiato si trovava al momento del sinistro,salvo il caso fortuito

37) nell’assicurazione contro i danni, l’assicuratore risponde del danno cagionato da un vizio intrinseco della cosa assicurata che non gli sia stato denunciato?
a)si, sempre
b)no, salvo patto contrario
C) si, salvo patto contrario

38) le operazioni di asiicurazione, riassicurazione e di vitalizio sono esenti da iva?
a)no
B)si
c) si, ma solo in determinati casi espressamente previsti dalla legge

39) nella promozione e nel collocamento di contratti di assicurazione a distanza, gli intermediari iscritti nella sezione A, B o D del rui, che si avvalgono di un “CALL-CENTER” devono:
a) individuare un proprio collaboratore, iscritto nella sez.E del RUI, che si occupi del coordinamento e del controllo dell’attività di intermediazione a distanza svolta nel call-center
B) chiedere l’iscrizione nella sez E del RUI di tutti gli addetti
c) individuare un proprio collaboratore iscritto nella sezione C del RUI, che si occupi del coordinamento e del controllo dell’attività di intermediazione a distanza svolta dal call center

40) in caso di morte dell’aderente ad una forma pensionistica complementare prima della maturazione del diritto alla prestazione:
a) l’intera posizione individuale maturata resta sempre acquisita al fondo pensione. non è mai prevista la possibilità per l’aderente di designare un beneficiario
b) l’intera posizione individuale maTURATA entra a far parte del patrimonio ereditario in presenza di legittimari
c) l’intera posizione individuale maturata è riscattata dagli eredi ovvero da diversi beneficiari designati dall’aderentesiano esse persone fisiche o giuridiche

41) l’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore copre i danni subiti dai pedoni in conseguenza di un incidente nel quale sia stato coinvolto un veicolo?
a)si, ma solo se espressamente prevista dalle condizioni generali di contratto
b) no, mai
c) si, nei limiti in cui sussiste la responsabiltà civile del conducente

42) in base all’articolo 1742 del codice civile, il contratto di agenzia:
a)è un contratto a titolo gratuito
b)è un contratto a titolo oneroso
c) può essere a titolo oneroso o gratuito

43) la distinzione in “rischi ordinari” e “rischi industriali” è tipica del ramo:
a)altri danni ai beni
b)incendio
c) RC. generale

44) le polizze relative all’assicurazione obbligatoria RCAUTO contengono l’indicazione:
a) solo del premio globale e dell’eventuale sconto complessivamente applicato, espresso sia in valore assoluto che in percentuale rispetto al premio globale
b)solo del premio globale, della provvigione riconosciuta all’intarmediario in percentuale rispetto al premio globale ed eventuale sconto complessivamente applicato
c) del premio globale, della provvigione riconosciuta all’intermediario-espressa sia in valore assoluto che in percentuale rispetto al premio globale-e dell’eventuale sconto complessivo applicato

45) nell’assicurazione di assistenza l’aiuto prestato dall’assicuratore :
a) è sempre in denario
B) può essere in denaro o in natura
c) è sempre in natura

46) una società di intermediazione, per poter essere iscritta nella sez.E del RUI deve:
a) avere affidato la responsabilità di intermediazione ad almeno una persona fisica iscritta in sez.A
b) operare direttamente o indirettamente attraverso altra societ
c)avere affidato la responsabilità dell’attività di intermediazione ad almeno una persona fisica iscritta in sez.E

47) la persona fisica iscritta nel ruolo dei periti assicurativi può essere iscritta contemporaneamente nel RUI?
a) si, purchè in possesso dei requisiti di iscrizione e a condizione che le 2 attività vengano svolte con 2 partite iva diverse
b) no, mai
c) si, sempre

48) l’azione diretta che spetta al danneggiato nei confronti dell’impresa di assicurazione per un sinistro RCAUTO:
a) è soggetta al termine di prescrizione cui sarebbe soggetta l’azione verso il responsabile
b) è soggetta a termine di prescrizione decennale
c) è soggetta a termine di prescrizione annuale

49) l’assicurato deve dare avviso del sinistro all’assicuratore entro:
A) 15gg da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza
b) 10gg da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza
c) 3 gg da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza

50) per operare in italia in regime di stabilimento, un impresa avente sede legale in un paese terzo, rispetto all’unione europea deve:
a) limitarsi a chiedere alla propria autorità di vigilanza l’autorizzazione ad operare in italia
b) limitarsi a comunicare preventivamente all’IVASS la sua intenzione di operare in italia
c)essere preventivamente autorizzata dall’IVASS

Bando esame IVASS 2014

data-esame-ivass-2014

PROVVEDIMENTO N. 13 DELL’ 11 DICEMBRE 2013
Prova di idoneità per l’anno 2013 per l’iscrizione nel Registro degli intermediari
assicurativi e riassicurativi.
L’ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE

VISTA la legge 12 agosto 1982, n. 576 e le successive disposizioni modificative ed integrative;

VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 e successive modificazioni ed integrazioni, recante il Codice delle assicurazioni private e, in particolare, l’articolo 109 che istituisce il Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi e l’articolo 110, che attribuisce all’Istituto il potere di determinare le modalità di svolgimento della prova di idoneità per l’iscrizione delle persone fisiche nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi, nonché di provvedere alla relativa organizzazione e gestione;

VISTO il regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente la disciplina dell’attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa ed, in particolare, gli articoli 9 e 10;

VISTO il decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, concernente disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, convertito con modifiche nella legge n. 135 del 7 agosto 2012 che ha disposto l’istituzione di IVASS;

RAVVISATA la necessità di indire una prova di idoneità per l’anno 2013 per l’iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi;

DISPONE

ARTICOLO 1
(Prova di idoneità e requisiti per l’ammissione)

1. E’ indetta per l’anno 2013 una prova di idoneità per l’iscrizione nelle sezioni A e B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi di cui all’articolo 109 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209.
2. Per l’ammissione alla prova è richiesto il possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, del titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di corso di durata quinquennale oppure quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge o di un titolo di studio estero equipollente.

ARTICOLO 2
(Presentazione della domanda di ammissione e procedura di ammissione alla prova)

1. A pena d’esclusione, il candidato dovrà produrre domanda di ammissione alla prova di idoneità in via telematica, entro la data di scadenza indicata nel comma successivo, utilizzando l’applicazione informatica accessibile all’indirizzo www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di produzione o di invio delle domande di partecipazione alla prova di idoneità. La data di presentazione on-line della domanda di partecipazione alla prova è certificata dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la sua presentazione, non permetterà l’accesso e l’invio del modulo elettronico.
2. La procedura di compilazione ed invio on-line della domanda potrà avere inizio a partire dalle ore 12.00 del 20 gennaio 2014 e dovrà concludersi entro le ore 12.00 del quarantacinquesimo giorno successivo a tale data, compresi i giorni festivi (ossia il 6 marzo 2014).
3. Nella domanda di ammissione alla prova di idoneità i candidati dichiarano ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e con le responsabilità di cui all’articolo 76 dello stesso decreto:
a) cognome e nome;
b) luogo e data di nascita;
c) codice fiscale;
d) comune di residenza e relativo indirizzo;
e) domicilio (se diverso dalla residenza) e numero telefonico per eventuali comunicazioni;
f) estremi di un documento di identità in corso di validità;
g) titolo di studio posseduto, con l’indicazione della data del conseguimento e dell’Istituto presso il quale è stato conseguito, completa di sede e relativo indirizzo;
h) il codice identificativo e la data di emissione di una marca da bollo di € 16,00, che dovrà successivamente essere consegnata, al momento dell’identificazione prima della prova, ed apposta sulla domanda di ammissione di cui al comma5; i) la prova di idoneità alla quale intendono partecipare ai fini dell’iscrizione nelle sezioni A o B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi:
1) Modulo assicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 4, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006);
2) Modulo riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 ed è riservato a chi è già idoneo all’esercizio dell’attività assicurativa);
3) Modulo assicurativo e riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa o riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, commi 4 e 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006); La scelta del modulo attiene al tipo di attività che si intende esercitare (attività assicurativa – attività riassicurativa – attività assicurativa e riassicurativa) e non alla sezione alla quale il candidato intende iscriversi.
4. In fase di inoltro della domanda, l’applicazione informatica attribuirà alla domanda stessa il numero identificativo univoco dell’istante, composto dal codice della prova e dal numero di protocollo. Tale numero dovrà essere citato per qualsiasi successiva comunicazione. Al termine della procedura di presentazione della domanda di ammissione, l’applicazione informatica invierà, tramite posta elettronica, il modulo di domanda riportante gli estremi identificativi sopraindicati all’indirizzo utilizzato in fase di registrazione al portale, a conferma dell’intervenuta iscrizione. Il modulo della domanda, così come compilato dal candidato, sarà stampato dall’IVASS e sottoposto al candidato per la sottoscrizione il giorno dello svolgimento dell’esame di cui all’articolo 5 al momento dell’identificazione. Allo stesso tempo il candidato sottoscriverà la dichiarazione sostitutiva relativa alla domanda di partecipazione previa:
a) esibizione di un documento di riconoscimento in corso di validità;
b) consegna della marca da bollo di € 16,00 di cui al comma 3, lett. h. L’ammissione all’esame avverrà con la più ampia riserva di accertamento del possesso dei requisiti di partecipazione richiesti dal presente provvedimento e dichiarati dal candidato. Per il riconoscimento dei benefici previsti dall’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, i candidati disabili devono indicare – mediante compilazione della sezione “disabilità” dell’applicazione – la necessità di tempi aggiuntivi e/o di ausili per lo svolgimento delle prove in relazione alla specifica condizione di disabilità. A tal fine i candidati devono attestare di essere stati riconosciuti disabili mediante dichiarazione da rendere secondo lo schema della sezione “disabilità”. I candidati disabili possono, per ogni evenienza, prendere contatto con il Servizio Vigilanza Intermediari Assicurativi dell’IVASS. Qualora l’IVASS riscontri la non veridicità di quanto dichiarato dal candidato, procederà all’annullamento della prova dallo stesso sostenuta. Ogni variazione di recapito dovrà essere tempestivamente comunicata all’IVASS, mediante posta elettronica, all’indirizzo “esame.intermediari@ivass.it”. L’IVASS non assume alcuna responsabilità nel caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta o non chiara trascrizione dei dati anagrafici o del recapito da parte del candidato o da mancata o tardiva comunicazione della variazione di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o informatici non imputabili all’Istituto stessa o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

ARTICOLO 3
(Cause di esclusione)

Sono esclusi dalla partecipazione alla prova di idoneità i candidati che:
a) alla data di presentazione della domanda di ammissione non siano in possesso del requisito di cui all’articolo 1, comma 2;
b) il giorno dello svolgimento dell’esame di cui all’articolo 5 non esibiscano un documento di riconoscimento in corso di validità o rifiutino di sottoscrivere la dichiarazione sostitutiva relativa alla domanda di partecipazione.

ARTICOLO 4
(Articolazione della prova di idoneità)

La prova di idoneità consta di un esame scritto, articolato in un questionario a risposta multipla.
2. L’esame per il Modulo assicurativo (1) verte sulle materie di seguito elencate, avuto particolare riguardo agli argomenti indicati nella tabella A allegata al presente provvedimento:
a) diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’Istituto;
b) disciplina della previdenza complementare; c) disciplina dell’attività di agenzia e di mediazione;
d) tecnica assicurativa (rami vita e danni);
e) disciplina della tutela del consumatore;
f) nozioni di diritto privato;
g) nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare.
3. L’esame per il Modulo riassicurativo (2) verte sulle materie di seguito elencate, avuto particolare riguardo agli argomenti indicati nella tabella B allegata al presente provvedimento:
a) disciplina del contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione;
b) tecnica riassicurativa.
4. L’esame per il Modulo assicurativo e riassicurativo (3) verte sulle materie di cui ai commi 2 e 3.

ARTICOLO 5
(Data e luogo dell’esame)

1. La data, il luogo e l’orario dell’esame saranno comunicati, entro novanta giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4° Serie Speciale “Concorsi ed Esami” e sul sito dell’IVASS all’indirizzo www.ivass.it. Tale comunicazione assume valore di notifica a tutti gli effetti di legge.

ARTICOLO 6
(Svolgimento dell’esame)

1. I candidati, i quali non siano stati esclusi dalla prova di idoneità ai sensi dell’articolo 3, sono ammessi a sostenere l’esame e sono tenuti a presentarsi nel giorno e nel luogo stabiliti ai sensi dell’articolo 5 muniti di quanto previsto dall’articolo 2, comma 5.
2. Il tempo assegnato ai candidati per lo svolgimento dell’esame è comunicato dalla Commissione prima del suo inizio.
3. Per lo svolgimento dell’esame non è ammessa la consultazione di vocabolari, dizionari, testi, né l’utilizzo di telefoni cellulari, calcolatrici e altri supporti elettronici o cartacei di qualsiasi specie. L’inosservanza di tali disposizioni, nonché di ogni altra disposizione stabilita dalla Commissione esaminatrice per lo svolgimento dell’esame, comporta l’immediata esclusione del candidato dalla prova.
4. L’esame si intende superato dai candidati che abbiano riportato una votazione non inferiore a sessanta centesimi (60/100).

ARTICOLO 7
(Esito dell’esame)

1. L’esito dell’esame dovrà essere verificato da ciascun candidato accedendo al sito internet dell’IVASS, previo inserimento delle credenziali personali assegnate durante la fase di registrazione di cui all’articolo 2. Tale modalità di comunicazione assume il valore di notifica a tutti gli effetti di legge.
2. L’IVASS rende nota, mediante specifico comunicato sul proprio sito internet, la data a far tempo dalla quale ciascun candidato potrà, con tali mezzi, acquisire conoscenza dell’esito dell’esame.

ARTICOLO 8
(Commissione esaminatrice)

1. La Commissione esaminatrice della prova di idoneità è nominata dall’IVASS con proprio provvedimento una volta scaduto il termine per la presentazione delle domande di ammissione. Nel provvedimento viene altresì nominato un membro supplente per ciascuna delle categorie di membri di cui al comma 2.
2. La Commissione è composta da:
a) due dirigenti dell’IVASS, di cui uno con funzioni di Presidente;
b) due funzionari dell’IVASS;
c) due docenti universitari in una delle seguenti discipline:
– diritto privato;
– diritto civile;
– diritto commerciale;
– diritto delle assicurazioni.
3. Le funzioni di segreteria sono svolte da due dipendenti dell’IVASS.
4. Il Presidente della Commissione esaminatrice, ove si renda necessario in ragione delle esigenze di celerità connesse al numero dei candidati, può suddividere la Commissione in due sottocommissioni, ciascuna composta da un funzionario dell’IVASS e da un docente universitario, attribuendo funzioni di Presidente della sottocommissione al secondo membro dirigente dell’IVASS. Il Presidente della Commissione ripartisce tra le due sottocommissioni i compiti assegnati alla Commissione per l’espletamento della prova.

ARTICOLO 9
(Informativa sul trattamento dei dati personali dei candidati)

1. Ai sensi dell’articolo 13, comma 1, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, si informano i candidati che i dati personali sono raccolti e conservati presso l’IVASS e sono trattati anche in forma automatizzata ai soli fini dell’espletamento della prova di idoneità e per l’assolvimento delle finalità ad essa connesse.
2. Titolare del trattamento è l’IVASS, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private, via del Quirinale n. 21, Roma.
Il presente provvedimento è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, nel Bollettino e sul sito dell’IVASS all’indirizzo www.ivass.it.

Esame IVASS (rui) 2014

Pubblicato online il bando per la prossima sessione dell’esame IVASS (o esame RUI) 2014, per questo motivo abbiamo deciso di implementare il nostro blog con un forum interamente dedicato all’esame IVASS. In questo modo sarà possibile confrontarsi sul programma dell’esame, sui quesiti e chiedere aiuto e supporto in rete per eventuali dubbi.

Chi intende quindi sostenere l’Esame IVASS può tranquillamente iscriversi al forum ed iniziare subito a confrontarsi cliccando qui

Esame IVASS (RUI) 2014
Presentazione della domanda di ammissione e procedura di ammissione alla prova

1. A pena d’esclusione, il candidato dovrà produrre domanda di ammissione alla prova di idoneità in via telematica, entro la data di scadenza indicata nel comma successivo, utilizzando l’applicazione informatica accessibile all’indirizzo www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di produzione o di invio delle domande di partecipazione alla prova di idoneità. La data di presentazione on-line della domanda di partecipazione alla prova è certificata dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la sua presentazione, non permetterà l’accesso e l’invio del modulo elettronico.

2. La procedura di compilazione ed invio on-line della domanda potrà avere inizio a partire dalle ore 12.00 del 20 gennaio 2014 e dovrà concludersi entro le ore 12.00 del quarantacinquesimo giorno successivo a tale data, compresi i giorni festivi (ossia il 6 marzo 2014).

3. Nella domanda di ammissione alla prova di idoneità i candidati dichiarano ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e con le responsabilità di cui all’articolo 76 dello stesso decreto:
a) cognome e nome;
b) luogo e data di nascita;
c) codice fiscale;
d) comune di residenza e relativo indirizzo;
e) domicilio (se diverso dalla residenza) e numero telefonico per eventuali comunicazioni;
f) estremi di un documento di identità in corso di validità;
g) titolo di studio posseduto, con l’indicazione della data del conseguimento e dell’Istituto presso il quale è stato conseguito, completa di sede e relativo indirizzo;
h) il codice identificativo e la data di emissione di una marca da bollo di € 16,00, che dovrà successivamente essere consegnata, al momento dell’identificazione prima della prova, ed apposta sulla domanda di ammissione di cui al comma 5;
i) la prova di idoneità alla quale intendono partecipare ai fini dell’iscrizione nelle sezioni A o B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi:
1) Modulo assicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 4, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006);
2) Modulo riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, comma 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 ed è riservato a chi è già idoneo all’esercizio dell’attività assicurativa);
3) Modulo assicurativo e riassicurativo per l’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa o riassicurativa (l’esame verte sulle materie di cui all’articolo 9, commi 4 e 5, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006); La scelta del modulo attiene al tipo di attività che si intende esercitare (attività assicurativa – attività riassicurativa – attività assicurativa e riassicurativa) e non alla sezione alla quale il candidato intende iscriversi.

4. In fase di inoltro della domanda, l’applicazione informatica attribuirà alla domanda stessa il numero identificativo univoco dell’istante, composto dal codice della prova e dal numero di protocollo. Tale numero dovrà essere citato per qualsiasi successiva comunicazione. Al termine della procedura di presentazione della domanda di ammissione, l’applicazione informatica invierà, tramite posta elettronica, il modulo di domanda riportante gli estremi identificativi sopraindicati all’indirizzo utilizzato in fase di registrazione al portale, a conferma dell’intervenuta iscrizione. Il modulo della domanda, così come compilato dal candidato, sarà stampato dall’IVASS e sottoposto al candidato per la sottoscrizione il giorno dello svolgimento dell’esame di cui all’articolo 5 al momento dell’identificazione. Allo stesso tempo il candidato sottoscriverà la dichiarazione sostitutiva relativa alla domanda di partecipazione previa:
a) esibizione di un documento di riconoscimento in corso di validità;
b) consegna della marca da bollo di € 16,00 di cui al comma 3, lett. h. L’ammissione all’esame avverrà con la più ampia riserva di accertamento del possesso dei requisiti di partecipazione richiesti dal presente provvedimento e dichiarati dal candidato. Per il riconoscimento dei benefici previsti dall’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, i candidati disabili devono indicare – mediante compilazione della sezione “disabilità” dell’applicazione – la necessità di tempi aggiuntivi e/o di ausili per lo svolgimento delle prove in relazione alla specifica condizione di disabilità. A tal fine i candidati devono attestare di essere stati riconosciuti disabili mediante dichiarazione da rendere secondo lo schema della sezione “disabilità”. I candidati disabili possono, per ogni evenienza, prendere contatto con il Servizio Vigilanza Intermediari Assicurativi dell’IVASS. Qualora l’IVASS riscontri la non veridicità di quanto dichiarato dal candidato, procederà all’annullamento della prova dallo stesso sostenuta. Ogni variazione di recapito dovrà essere tempestivamente comunicata all’IVASS, mediante posta elettronica, all’indirizzo “esame.intermediari@ivass.it”. L’IVASS non assume alcuna responsabilità nel caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta o non chiara trascrizione dei dati anagrafici o del recapito da parte del candidato o da mancata o tardiva comunicazione della variazione di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o informatici non imputabili all’Istituto stessa o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

Simulatore gratuito esame IVASS (ISVAP)

Arriva l’applicazione facebook per allenarsi gratuitamente per l’esame IVASS (ex ISVAP) la trovate a questo link ovviamente bisogna essere iscritti a facebook o iscriversi.

Il simulatore gratuito è particolarmente indicato per chi vuole testare e mettere alla prova la propria preparazione, per affrontare al meglio l’esame IVASS (o esame RUI) e diventare Agente o Broker Assicurativo (iscrizione RUI sezione A e Sezione B) il test propone in maniera gratuita 60 domande random sulle 2000 delle passate edizioni. Un test approfondito che può essere ripetuto tutte le volte che si vuole in modo da tenere sempre sotto controllo la propria preparazione e valutarla giorno per giorno.

IVASS digital OpenDay 2013

ivass-digital-open-day-404

Come tutti sapete l’esame IVASS 2013 (o esame RUI, esame ISVAP come spesso viene chiamato) è alle porte (le iscrizioni sono aperte fino al 25 febbraio), e le richieste di iscrizione alla sezione E del registro RUI sono in crescita, per questi motivi abbiamo deciso di dedicare un’intera giornata all’IVASS organizzando il primo digital OpenDay Italiano che si terrà il

La nostra redazione, insieme alla segreteria didattica sarà interamente dedicata a rispondere ai quesiti di quanti intendono avvicinarsi al mondo assicurativo ed intraprendere la propria carriera come Agente o Broker assicurativo e come Subagente, durante tutta la giornata risponderemo alle curiosità dei partecipanti meno esperti e daremo assistenza a quanti sono già del settore.

Se conoscete persone che desiderano avere maggiori informazioni su come trovare lavoro nel settore assicurativo l’IVASS Digital OpenDay è l’occasione giusta per richiedere tutto ciò che bisogna sapere per entrare a far parte di questo importante settore professionale.

Partecipa subito e invita gli amici, è gratuito! Link all’evento

Esame IVASS un aiuto importante con il corso online

Molto spesso ci chiedono come affrontare l’esame IVASS (conosciuto anche come esame ISVAP, esame RUI), il primo consiglio che diamo è quello di iniziare subito la preparazione e mettersi sotto con lo studio.

Un aiuto importante viene dai corsi online per Agenti e Broker Assicurativi, che contengono un universo di nozioni fondamentali presentate in maniera semplice e comprensibile, ma il vero punto di forza dei corsi online è la community costruita intorno alle video lezioni.

A differenza dei manuali presenti in commercio che spesso vengono aggiornati in ritardo rispetto alle normative (dovendo sottostare ai tempi di produzione e di stampa) i corsi online vengono aggiornati costantemente e quasi in tempo reale, per non incorrere in brutte sorprese in sede d’esame dove gli studenti scoprono di aver acquistato per sbaglio manuali contenenti normative e nozioni vecchie.

D’altronde una volta stampato il manuale non è possibile aggiornarlo così frequentemente se non con lunghi tempi di attesa, mentre la piattaforma online segue di pari passo gli avvicendamenti normativi e le evoluzioni dei programmi dell’esame IVASS.

Perché correre il rischio di arrivare all’esame IVASS con normative o parti del programma mancanti? Assicuratevi che il manuale sia aggiornato correttamente e non, come è accaduto in passato che sia lo stesso dell’anno precedente con riportante l’anno corrente sulla copertina e un compendio alle nuove normative, oppure molto più semplicemente acquistate un corso online per stare più tranquilli.
Piccole sfumature e parti di programma fanno la differenza su una domanda sbagliata o esatta.

Una delle domande frequenti che ci pongono è questa:
e se nel frattempo le normative e i programmi cambiano ed io ho già acquistato il corso?
Il programma e la didattica del corso per l’esame IVASS viene aggiornata in tempo breve per rendere tutto coerente ed offrire il miglior prodotto possibile a chi ha acquistato.

“Il libro ha un linguaggio troppo tecnico, e ci vuole troppo tempo a studiarlo.”
Ecco una delle tipiche ragioni che spingono sempre più persone ad acquistare i corsi online, le lezioni vengono presentate in maniera semplice ed approfondita; una volta terminata è possibile arricchire e perfezionare la preparazione con nozioni più tecniche tramite il materiale didattico scaricabile incluso nel corso. Tutto questo si traduce in un risparmio di tempo prezioso da dedicare a ripassare il tutto, risparmio che con i manuali non è possibile data la natura del supporto cartaceo.

Le piattaforme di e-learning avanzate presentano una struttura dedicata ad aiutare il corsista 24 ore su 24, tra le principali caratteristiche sono presenti:

Gruppi di discussione
gruppi organizzati per:
assistersi a vicenda nello studio
ripassare gli argomenti
chiedere suggerimenti
approfondire passaggi non chiari
studiare insieme

Chat
la chat presente nella piattaforma consente di interagire in tempo reale con persone che stanno studiando per preparare l’esame IVASS e poter confrontarsi insieme sul programma.

Messaggistica
è possibile inoltre lasciare dei messaggi privati agli altri utenti per darsi appuntamenti e organizzare i gruppi di studio.

Di seguito una infografica che mostra come la formazione online si stia diffondendo anche nelle Università e che il futuro dei manuali è chiaro.

E voi a chi volete affidare la vostra preparazione, al passato o al futuro?

infogra

Assicurazioni sulla vita in crescita

Per il settore delle assicurazioni sulla vita si prevede una crescita elevata già dal 2013; con il peggiorare della crisi infatti e con la riforma Fornero sulle pensioni che ha portato il passaggio al sistema contributivo, molti stanno orientando le proprie scelte di integrazione previdenziale sulle assicurazioni sulla vita.

Già Generali che ha presentato il suo piano strategico a Londra ha indicato le assicurazioni sulla vita ed il ramo danni come i settori si cui puntare nel prossimo futuro, vista la elevata domanda che continua a crescere progressivamente.

D’altra parte la fama degli Italiani di formiche dell’economia è ormai nota, ed è proprio questa storica predisposizione al risparmio una delle maggiori spiegazioni al boom di polizze; dall’altra parte bisogna anche prendere in considerazione fattori come il calo delle vendite auto e il conseguente calo nel settore polizze RCA, con l’acuirsi della crisi gli italiani hanno iniziato ad utilizzare altri metodi per spostarsi rinunciando all’auto, questo ha fatto si che le compagni virassero su prodotti che potessero se non sostituire ma almeno compensare il calo del settore auto.

Si aprono quindi nuove possibilità per chi opera nel settore assicurativo, un mercato che è da sempre in costante evoluzione e che sfrutta spesso i mutamenti socio-economici, differenziando l’offerta in modo da assecondare le necessità che via via si presentano.

diventa agente o broker assicurativo con l'esame IVASS

diventa agente o broker assicurativo con l’esame IVASS

Esame Rui 2013-le materie

Di seguito riportiamo le materie presenti nei moduli dell’esame IVASS 2013 (conosciuto anche come esame RUI, esame ISVAP) per essere iscritti al registro RUI alle sezioni A e B per Agenti e Broker assicurativi.

Modulo assicurativo
Diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’ISVAP:
normativa primaria contenuta nel Codice Civile e nel Codice delle Assicurazioni private:

impresa di assicurazione:
− condizioni di accesso all’attività (imprese aventi sede legale nel territorio della Repubblica, in uno Stato membro, in uno Stato terzo);
− condizioni di esercizio dell’attività;
− nozioni sulle operazioni straordinarie (trasferimento di portafoglio, fusione e scissione);
− nozioni sulle misure di salvaguardia, risanamento e liquidazione;

contratto di assicurazione:
− definizione e caratteri;
− soggetti (contraente, assicurato, beneficiario, assicurazione in nome altrui, per conto di terzi, a favore di terzi);
− rischio (dichiarazioni inesatte o reticenti; inesistenza e cessazione del rischio;
aggravamento e diminuzione del rischio; rischi assicurabili; delimitazioni del rischio);
− premio e mancato pagamento del premio;
− durata del contratto;
− documentazione contrattuale;
− prescrizione in materia assicurativa;

vigilanza nel settore assicurativo e riassicurativo:
− finalità;
− destinatari;
− funzioni e poteri dell’Autorità di vigilanza;
 normativa secondaria
Regolamento n. 1 del 15 marzo 2006 concernente la procedura di irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie, di cui al titolo XVIII (sanzioni e procedimenti sanzionatori), capo VII (destinatari delle sanzioni amministrative pecuniarie e procedimento) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 4 del 9 agosto 2006 concernente gli obblighi informativi a carico delle imprese in occasione di ciascuna scadenza annuale dei contratti r.c.auto di cui al titolo XIV (vigilanza sulle imprese e sugli intermediari) capo I (disposizioni generali) nonché la disciplina relativa all’attestazione sullo stato del rischio di cui al titolo X (assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e i natanti), capo II (esercizio dell’assicurazione) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n.209 – Codice delle assicurazioni;
Regolamento n. 5 del 16 ottobre 2006 concernente la disciplina dell’attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa di cui al titolo IX (intermediari di assicurazione e di riassicurazione) e di cui all’articolo 183 (regole di comportamento) del decreto legislativo 7 settembr 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 9 del 14 novembre 2007 recante la disciplina dell’uso di denominazione assicurativa ai sensi dell’articolo 308, comma 3, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina del certificato di assicurazione, del contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro di cui al titolo X (assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e i natanti) capo i (obbligo di assicurazione) e capo I (procedure liquidative) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 23 del 9 maggio 2008 concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore e natanti, di cui all’articolo 131 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 24 del 19 maggio 2008 concernente la procedura di presentazione dei reclami all’ISVAP di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private e la procedura di gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione;
Regolamento n. 32 dell’11 giugno 2009 recante la disciplina delle polizze con prestazioni direttamente collegate ad un indice azionario o altro valore di riferimento di cui all’articolo 41, comma 2, decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento n. 34 del 19 marzo 2010 recante disposizioni in materia di promozione e collocamento a distanza di contratti di assicurazione di cui agli articoli 183 e 191, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
• Regolamento n. 35 del 26 maggio 2010 concernente la disciplina degli obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi, di cui al titolo XIII del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private;
Regolamento N. 41 del 15 maggio 2012 concernente disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l’utilizzo delle imprese di assicurazione e degli intermediari assicurativi a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, a sensi dell’articolo 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231.

Disciplina della previdenza complementare:
nozione di previdenza complementare;
elementi relativi alle principali forme pensionistiche complementari;
elementi relativi ai fondi pensione:
• fondi aperti e fondi chiusi;
• modalità di adesione ai fondi pensione e regole di comportamento.

Disciplina dell’attività agenziale e di mediazione:
attività di intermediazione assicurativa:
• condizioni di accesso (requisiti di iscrizione nel Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi, cancellazione, reiscrizione, Fondo di Garanzia dei mediatori di assicurazione e riassicurazione, attività in regime di stabilimento e di libera prestazione di servizi);
• regole di comportamento (separazione patrimoniale, doveri e responsabilità verso gli assicurati, informazione precontrattuale, contributo di vigilanza);
• sanzioni e procedimenti sanzionatori;
 contratto di agenzia disciplinato dal codice civile;
 contratto di agenzia di assicurazioni:
• natura giuridica;
• Accordo Nazionale Agenti del 2003;
• contratto di subagenzia;
 contratto di mediazione disciplinato dal codice civile;
 contratto di mediazione assicurativa:
• natura giuridica;
• diritti ed obblighi del mediatore.

Tecnica assicurativa:
assicurazione contro i danni:
• interesse e valore (valore assicurabile, valore assicurato e valore a nuovo, sottoassicurazione e sopra assicurazione, massimali);
• sinistro e danno (obblighi di avviso e salvataggio, scoperto, franchigia relativa e assoluta, risarcimento, liquidazione e pagamento dell’indennità, surroga dell’assicuratore);


Rami danni:
• rami infortuni e malattia (caratteristiche e condizioni generali di polizza, somma assicurata, garanzie, denuncia e gestione del sinistro);
• ramo responsabilità civile per rischi diversi (caratteristiche e condizioni generali di polizza, forme di responsabilità civile con particolare riferimento alla responsabilità civile professionale);
• assicurazione obbligatoria per la circolazione di veicoli a motore e natanti (caratteristiche, documenti assicurativi, struttura tariffaria, risarcimento del danno, prescrizione);
• rami incendio e furto (caratteristiche e condizioni generali di polizza, valutazione e determinazione del rischio, forme di assicurazione, sinistro e danno, obblighi in caso di sinistro);
• rami credito e cauzioni (caratteristiche e condizioni generali di polizza, crediti assicurabili, procedura di affidamento, polizze fideiussorie);
• rami assistenza e tutela legale (caratteristiche e condizioni generali di polizza, obbligo di avviso e gestione del sinistro);
• ramo trasporti (caratteristiche e condizioni generali di polizza, assicurazione corpi, assicurazione merci trasportate, gestione sinistro);

 Assicurazioni vita:
• assicurazioni caso vita, caso morte e miste;
• assicurazione sulla vita di un terzo e assicurazione per conto di terzi;
• assicurazione a favore di terzi;
• riduzione, riscatto e prestito su polizza;
• indicizzazione e rivalutazione;
• prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione (unit linked, index linked e polizze di capitalizzazione).

Nozioni di disciplina della tutela del consumatore:
 fonti: decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 – Codice del consumo;
 soggetti (professionista, consumatore e associazione di consumatori);
 educazione, informazione e pubblicità;
 rapporto di consumo;
 tutela dell’utente dei servizi assicurativi: Regolamento n. 24 del 19 maggio 2008.

Nozioni di diritto privato:
 fonti del diritto;
 soggetti del rapporto giuridico: persona fisica e persona giuridica;
 negozio giuridico;
 obbligazioni:
• elementi del rapporto obbligatorio;
• modificazione dei soggetti del rapporto obbligatorio;
• estinzione del rapporto obbligatorio;
• inadempimento, responsabilità del debitore;
 contratti:
• nozione e classificazioni;
• formazione;
• elementi essenziali ed accidentali;
• conclusione del contratto;
• efficacia e validità;
• invalidità, rescissione e risoluzione;
 responsabilità civile contrattuale ed extracontrattuale;

Nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare:
 imposte sulle assicurazioni: oggetto dell’imposta, soggetto passivo;
 trattamento fiscale dei premi e delle prestazioni assicurative;
 regime tributario delle forme pensionistiche complementari.

Modulo riassicurativo:
Disciplina del contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione:
Riassicurazione:
• natura e funzione;
• effetti della riassicurazione sul mercato;
 impresa di riassicurazione:
• condizioni di accesso all’attività;
• condizioni di esercizio dell’attività;
 contratto di riassicurazione:
• definizione e caratteri;
• soggetti;
• rischio e interesse;
• formazione del contratto;
• diritti ed obblighi del riassicurato e del riassicuratore;
 distinzione tra riassicurazione e coassicurazione;
 tipologie riassicurative per la gestione dei rischi;
 disciplina di settore:
circolare ISVAP n. 574 D del 23 dicembre 2005;
Regolamento n. 33 del 10 marzo 2010 concernente l’accesso e l’esercizio dell’attività di riassicurazione di cui ai Titoli V, VI, XIV, XVI del decreto legislativo 7 settembre

corso esame isvap 2013 manuali

corso esame isvap 2013 manuali